Tipicità

TOPINAMBUR

topinambur coltivazione 1Topinambur Helianthus tuberosus  è una pianta perenne, infestante, a radici striscianti ingrossate da tuberi irregolari, ha fusto eretto e fistoloso la cui altezza varia da ottanta centimetri fino a circa tre metri. Tra agosto e settembre sbocciano alla sommità degli steli dei fiori di color giallo indiano simili a margherite dal diametro di 8 – 10 centimetri.
Questa pianta si adatta a qualsiasi terreno anche se preferisce luoghi incolti e umidi, come i fossi che costeggiano le nostre strade. Come alimento il topinambur, agli inizi, ebbe più fortuna della patata poi, pian piano, scomparve per riapparire nei periodi di carestia. Ora, saltuariamente, torna in tavola in inverno poiché la raccolta dei tuberi si effettua in questo periodo estirpandoli di volta in volta.
La forma dei tuberi è la più varia che possa esserci. Dopo la raccolta si spazzolano per eliminare ogni residuo di terra, per poi lavarli sotto acqua corrente. Si possono mangiare tagliati a fettine sottilissime conditi con olio e pepe, oppure si possono consumare lessati come le patate. Essendo il loro contenuto calorico molto basso, sono adatti all’alimentazione di convalescenti, anziani e bambini.