Oasi e parchi naturalistici

La pianura veronese è attraversata da vari fiumi che garantiscono una presenza costante d’acqua su tutto il territorio. Lungo questi corsi fluviali troviamo interessanti riserve naturalistiche ricche di flora e fauna, protette all’interno di aree che per secoli sono rimaste quasi del tutto intatte. Esse si estendono principalmente lungo i fiumi Adige,  Menago, Tartaro e Tione. I luoghi elencati sono accessibili a persone disabili se accompagnate e con l’uso della joëlette.

Palude della Pellegrina (Isola della Scala)

La palude della Pellegrina è un’area privata  con un’estensione di129 ettari, che riceve per scorrimento naturale acqua del Tartaro e lungo il cui perimetro si snoda un percorso arginale, lungo alcuni chilometri, percorribile a piedi, a cavallo o in bicicletta.

Altro

Oasi palude del Busatello (Gazzo Veronese)

La progressiva antropizzazione della pianura padana ha portato, nel corso del tempo, alla distruzione o alla profonda trasformazione di molti ambienti naturali e, di riflesso, alla drastica riduzione o addirittura alla scomparsa di molte specie animali e vegetali.

Altro

Oasi della Bora (Povegliano)

Questo lembo di terra di1,2 ettari lungo300 metri nel punto massimo e largo 50, è delimitato a Nord dal fiume Tione-Tartaro e a Sud dalla fossa Bora che qui ha origine fra tre piccole risorgive.

Altro

Palude e oasi del Finiletto (Oppeano)

Nei pressi della frazione di Vallese di Oppeano, di grande interesse naturalistico è la zona delle risorgive dov’è possibile ammirare polle d’acqua sorgente che si incanalano attraversando le campagne.

Altro

Palude del Brusà (Cerea)

La Palude del Brusà rappresenta un’ importante zona umida voluta dal comune di Cerea per fare rivivere una parte dell’antico habitat naturale di queste zone.

Altro

Parco Valle del Menago (Bovolone)

La storia della valle del Menago affonda le proprie radici nel 2500 a. C. con l'insediamento dei primi abitanti della cultura dei Terramaricoli nelle radure e negli acquitrini della palude.

Altro

Parco dei due Tioni (Erbè)

Il “Parco oasi comunale dei Due Tioni” venne istituito nel 1993 nell’ambito delle iniziative del comune  di Erbè per sopperire alla mancanza di strutture ricreative e culturali. Il parco urbano si estende per 80.000 metri quadri e si sviluppa lungo il corso del fiume Tione vecchio e del Tione nuovo creando, in forma simbolica, un’isola.

Altro

Bosco del Tartaro (Legnago)

Questo bosco è immerso nelle Grandi Valli Veronesi, all’interno dell’ antico alveo del fiume Tartaro poco oltre l’abitato di Torretta Veronese, nei pressi della strada che congiunge Legnago con Castelmassa.

Altro